Stappa e vinci, concorso truffa: multa dall’Antitrust

Dopo la denuncia pubblica fatta dalla trasmissione televisiva Le Iene, andata in onda su Italia Uno domenica scorsa, arriva la conferma dell’Antitrust: il concorso “Stappa e Vinci” pubblicizzato su diverse riviste famose, da Quattroruote a Motosprint, passando per Oggi, ha truffato i consumatori. Già l’estate scorsa le Associazioni dei consumatori avevano denunciato il caso, ed era intervenuto il Ministero dello Sviluppo economico con un “decreto di cessazione” per mettere fine alle attività della Gescal, responsabile dell’organizzazione del concorso attraverso il marchio commerciale Riserva Castellini.

L’imbroglio consisteva nel far credere al consumatore di aver vinto un premio, dopo aver “grattato” su una patina dorata. Per ricevere il premio, però, il consumatore avrebbe dovuto comunicare il codice numerico apparso ad un numero telefonico a tariffazione maggiorata (il famoso 899…). Ma dopo aver telefonato e speso diversi euro, il premio non sarebbe mai arrivato. Alcuni consumatori hanno denunciato anche il fatto che, una volta contattato il numero a pagamento, anche digitando un codice inventato, si risultasse sempre vincitori.

Insomma una truffa bella e buona che ha fruttato circa un milione di euro a chi l’ha inventata ed ha “gabbato” diverse riviste e concessionarie pubblicitarie, che hanno creduto alla buona fede dei truffatori. Il servizio realizzato dalla Iena Luigi Pelazza è abbastanza eloquente e ci sono anche i volti dei truffatori.

Intanto nel bollettino pubblicato oggi dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato si legge chiaramente che la pratica commerciale in questione è scorretta e ne va vietata qualsiasi diffusione o continuazione. L’Antitrust ha anche inflitto alla Gescal S.r.l. di Porto Viro (Rovigo) una sanzione di 50.000 euro.

Print Friendly