Nuovi bonus elettrici per malati gravi, soddisfazione di Cittadinanzattiva

Nuovi bonus elettrici per i malati gravi costretti a usare macchinari medico-terapeutici, soddisfatta Cittadinanzattiva. Le modifiche al bonus varate dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, spiega Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva, “vengono incontro alle famiglie a rischio povertà da consumi energetici a causa di patologie gravi, perché non più forfettario ma legato ai consumi effettivi  e ai macchinari utilizzati. La nostra organizzazione continuerà a produrre informazioni civiche e a rappresentare il punto di vista di tutti i  cittadini a rischio povertà”.

“A poco più di un mese dalla rassicurazioni ottenute dall’Autorità, in occasione della presentazione del nostro Rapporto sul tema, realizzato in collaborazione  con l’Acquirente Unico, l’Autorità ha mostrato non solo di poter agire in tempi molto brevi su temi così importanti, ma anche di valutare attentamente le informazioni “civiche” prodotte dalle associazioni”.

Nel 2011 la spesa media annua per consumo di energia è stata di 976 euro (contro i 437 euro di una famiglia tipo): sono 401 euro in più, dei quali solo 138 erano coperti dal bonus. Per il 2012, la bolletta sarà di 1152 euro, dei quali 230 euro legati alla spesa per i consumi energetici degli apparecchi medicali e 922 euro per gli altri consumi elettrici. “Questa bolletta energetica di oltre 1150 euro – aggiunge Gaudioso – andava  a sommarsi ad una serie di costi privati che molte persone invalide e con patologia cronica sono costrette a sostenere, dalla badante ai farmaci non rimborsati, a presidi ed ausili non garantiti dal SSN e altro, per un totale di oltre 16mila euro annui”.

 

Print Friendly