WindJet-Alitalia, Enac: “Necessario accordo in tempi brevi”

WindJet è in difficoltà e questo si sta ripercuotendo sui viaggi aerei, con disservizi e forti ritardi per i passeggeri, in un contesto di caos e mancata assistenza, secondo quanto denunciato da diversi viaggiatori. Si cerca un accordo sull’acquisizione della compagnia da parte di Alitalia, per evitare il fallimento della low cost siciliana. Se la compagnia aerea non riuscirà a trovare un accordo con Alitalia entro mercoledì, rischia lo stop dei suoi aerei da parte dell’Ente nazionale per l’aviazione civile, che ha chiesto ieri un accordo in tempi brevi.

“Pur non esistendo alcun ultimatum, l’Enac ritiene necessario che la trattativa venga definita nel più breve tempo possibile per evitare ulteriori disagi ai passeggeri che hanno acquistato titoli di viaggio con il vettore low cost – afferma l’Enac – Negli ultimi giorni, infatti, sono stati numerosi i disservizi per gli utenti WindJet dovuti a cancellazioni e ritardi consistenti dei voli”. Già nei giorni scorsi, l’Enac ha inviato WindJet e Alitalia a farsi carico della gestione dei passeggeri che rimangono coinvolti nei disservizi. E ha ribadito che “è necessario che si trovi un accordo in breve tempo, nell’esclusivo interesse della tutela dei passeggeri e dell’efficienza del trasporto aereo in un periodo che risulta essere il più trafficato dell’anno”.

Il rischio è che l’Enac fermi gli aerei di WindJet perché, ha detto il presidente Vito Riggio parlando di una scadenza a mercoledì, la compagnia “non ha risorse economiche sufficienti per garantire l’attività”. per i prossimi mesi.

A metà luglio l’Antitrust aveva dato il via libera all’acquisizione di WindJet da parte di Alitalia, ma alla condizione che quest’ultima ceda alcuni slot sulle rotte Palermo-Milano Linate, Catania-Milano Linate e Catania-Roma Fiumicino, dove si creerebbe una situazione di monopolio.

Print Friendly