Dagli oggetti alle ‘esperienze’: ecco come sono cambiati gli acquisti degli italiani

Una serata al teatro, un viaggio, una cena con gli amici. Ecco come sono cambiati gli acquisti al tempo della crisi. Secondo un sondaggio online condotto da Tappeto Volante gli italiani preferiscono un acquisto ‘esperienziale’ piuttosto che un oggetto perché più gratificante (61%), dura nel tempo grazie ai ricordi (56%), fa vivere emozioni (48%) e spesso si è in compagnia (41%). Sono soprattutto le donne, 63% del campione, a preferirla contro il 53% degli uomini. Dunque, quali sono gli acquisti che danno più gioia agli italiani? A farla da padrone sono i biglietti per un concerto o uno spettacolo teatrale (35%) seguiti a distanza ravvicinata dai viaggi (33,5%). Per gli italiani sono soldi ben spesi anche quelli per una cena di qualità fuori con gli amici (29%). Ai piedi del podio il primo desiderio materiale: arredare e rendere più accogliente la propria casa con accessori e oggetti di design appaga il 24,5% degli intervistati.  Mentre al quinto posto gli abitanti dello stivale indicano gli acquisti dedicati alla cura della persona (21%) come i trattamenti antistress, i massaggi e le sedute estetiche. E se anche siamo noti nel mondo come il Paese dello stile e del ben vestire, l’acquisto di abiti all’ultima moda viene ritenuto fonte di gioia solo dal 19% del campione. Al settimo posto le attività sportive (abbonamenti palestra, piscina, corsi di ballo etc.) con il 18% delle preferenze e solo in ottava posizione i regali, di qualsiasi natura, per qualcun altro (16%). Chiudono la top ten degli acquisti più “felici”: aggiungere un libro alla biblioteca personale  (13,5%) e gli acquisti tecnologici (12%, smartphone, tablet, pc, etc.), ormai ritenuti più una necessità per stare a passo con i tempi che un vezzo.

 

 

Print Friendly