Acqua Pubblica e Nucleare: sarà referendum nazionale

Movimenti per l’acqua pubblica, forze politiche e sociali, associazioni di consumatori, movimenti per il no al nucleare lo avevano chiesto a gran voce: su nucleare e privatizzazione dell’acqua scelgano i Cittadini.

E così sarà! La Corte Costituzionale, infatti, ha dichiarato ammissibili due dei tre quesiti referendari presentati con oltre un milione e mezzo di firme raccolte nelle piazze di tutta Italia.

Accettato anche il referendum abrogativo con cui si sta cercando di reintrodurre il nucleare in Italia.

Vittoria a tutto campo quindi dei Cittadini contro una politica che spesso cerca di trattarli come “bambini” incapaci di decidere per il loro futuro, sostituendo la volontà popolare con decisioni imposte, spesso, a colpi di maggioranze e fiducie.

Entro il 15 giugno i referendum dovranno essere fatti, e sapremo finalmente il volere vero degli italiani, sperando che questa volta venga rispettato.

Spostando l’attenzione sulla situazione del Lazio in generale e del Comprensorio di Civitavecchia in particolare, per quanto riguarda l’acqua pubblica, vogliamo ricordare che il territorio del viterbese, nel pieno del problema dell’alta concentrazione di arsenico nell’acqua, coinvolge la parte alta di Civitavecchia per interferenze d’ambito. In caso di privatizzazione dell’acqua, argomento che a breve approfondiremo anche con azioni sul territorio, si sarebbe ottenuta dalle aziende private l’attenzione che ci ha riservato il Comune, anche se dietro “sollecitazioni”)?

Sul nucleare e la sua non pericolosità” presunta, abbiamo visto gli spot in tv, che vogliono presentarsi ai cittadini come “equidistanti” fra il si ed il no al nucleare, ma che in realtà sembrano voler spingere il cittadino verso una posizione favorevole al nucleare.

Infatti ci duole dover constatare che le notizie che non dipingono la scelta del nucleare come la migliore possibile difficilmente trovino spazio in tale forum, o anche sulla stampa.

Quanti sanno che in Niger, l’11 dicembre 2010, a causa di un incidente, si è verificata una fuoriuscita da una miniera di uranio di 200 mila litri di fanghi radioattivi?

Pensate a questo quando vedrete di nuovo gli spot, ed al perché la notizie del Niger è passata sotto silenzio. Pensate al fatto che l’acqua, il bene primario per la sopravvivenza dell’uomo, rischia di essere mercificata. Forse capirete meglio l’opportunità che ci viene data con questi referendum.

(Visited 1 times, 1 visits today)
Parole Chiave: , , , , , , , , , , ,